volto d’aria


Abitavo a Rosario, Santa Fe. Straniero cercavo di definire una mia identità. Uscii così per strada, in bici, con un telo nero, la mia prima 6×6, una Seagull comprata usata a Kūnmíng e  un flash Metz regalatomi dai miei genitori per il mio primo incarico “matrimoniale”. Un solo scatto, per cogliere nei loro occhi la mia sincerità. Tutte persone che prima di quel incontro mai avevano avuto una loro fotografia.