L’altro sguardo

      Si arriva in un luogo, lo si intuisce, non lo si conosce. Si comincia a esplorare, palpare, scavare. Ne escono cose che non sapevamo ci fossero. Sapevamo che avremmo trovato qualcosa. Continuiamo; alla ricerca della sorpresa. Sorprese

/

L’altro sguardo

      Si arriva in un luogo, lo si intuisce, non lo si conosce. Si comincia a esplorare, palpare, scavare. Ne escono cose che non sapevamo ci fossero. Sapevamo che avremmo trovato qualcosa. Continuiamo; alla ricerca della sorpresa. Sorprese

/

“pulcino”

 2001 2009 2012   Ogni tanto per riconciliarmi  col mondo vado a trovare Alberto. Le edizioni del PulcinoElefante, edite da Alberto Casiraghy, non hanno una distribuzione organizzata. La tiratura è spesso inferiore alle 30 copie   … il mio segno zodiacale

/

“pulcino”

 2001 2009 2012   Ogni tanto per riconciliarmi  col mondo vado a trovare Alberto. Le edizioni del PulcinoElefante, edite da Alberto Casiraghy, non hanno una distribuzione organizzata. La tiratura è spesso inferiore alle 30 copie   … il mio segno zodiacale

/

Perché Napoli?

    Vorrei andare oltre il nostro bisogno di consolazione, forse mai raggiunto ma a cui, più o meno cosciente, ho egoisticamente aspirato. Innanzi tutto è una domanda: “cosa accade, come reagisco se mi metto in difficoltà ?” Perchè Napoli?

/

Perché Napoli?

    Vorrei andare oltre il nostro bisogno di consolazione, forse mai raggiunto ma a cui, più o meno cosciente, ho egoisticamente aspirato. Innanzi tutto è una domanda: “cosa accade, come reagisco se mi metto in difficoltà ?” Perchè Napoli?

/

sul silenzio

  Il silenzio risveglia il tempo.   “… Il silenzio è una condizione del suono, è materia sonora: sottolinea e amplifica i suoni, li rende più vibranti, ne preannuncia l’entrata, crea suggestivi effetti di attesa e sospensione. Il silenzio è

/

sul silenzio

  Il silenzio risveglia il tempo.   “… Il silenzio è una condizione del suono, è materia sonora: sottolinea e amplifica i suoni, li rende più vibranti, ne preannuncia l’entrata, crea suggestivi effetti di attesa e sospensione. Il silenzio è

/

Animalerie

      Uno spazio alla fantasia, al gioco della sorpresa, dell’indefinito come spazio vitale nella formazione del nostro essere. In “Animalerie” nessuna premeditazione ma semplicemente una visione notturna suggerita da una giornata passata ad osservare libri antichi di un

/

Animalerie

      Uno spazio alla fantasia, al gioco della sorpresa, dell’indefinito come spazio vitale nella formazione del nostro essere. In “Animalerie” nessuna premeditazione ma semplicemente una visione notturna suggerita da una giornata passata ad osservare libri antichi di un

/

Buio

      Quando il paesaggio è ispirazione; è tensione: verso l’altro e verso l’alto. Il luogo naturale, il territorio non antropizzato, crudo e vitale, è attraversato, lambito e toccato da uno sguardo che abbraccia l’atmosfera magica e cupa, secca e nebulosa

/

Buio

      Quando il paesaggio è ispirazione; è tensione: verso l’altro e verso l’alto. Il luogo naturale, il territorio non antropizzato, crudo e vitale, è attraversato, lambito e toccato da uno sguardo che abbraccia l’atmosfera magica e cupa, secca e nebulosa

/

di bianco silenzio

Quando la natura viene interpretata dall’uomo, costruendo in questo modo le immagini dell’arte, salvandole in forme che ne fissano forza ed energia, l’artista è colui che usa la tecnica per scoprirne i molteplici livelli di visibilità, consapevole di percorrere un

/

di bianco silenzio

Quando la natura viene interpretata dall’uomo, costruendo in questo modo le immagini dell’arte, salvandole in forme che ne fissano forza ed energia, l’artista è colui che usa la tecnica per scoprirne i molteplici livelli di visibilità, consapevole di percorrere un

/

ricordarsi di togliere le terre

Nasce con un supporto fotografico ma già nello scatto è escluso il canonico tempo fotografico, non c’è istante ma dilatazione di questo; la stessa che assorbe il paesaggio ritratto. La macchina fotografica è utilizzata quasi come fosse una cinepresa a

/

ricordarsi di togliere le terre

Nasce con un supporto fotografico ma già nello scatto è escluso il canonico tempo fotografico, non c’è istante ma dilatazione di questo; la stessa che assorbe il paesaggio ritratto. La macchina fotografica è utilizzata quasi come fosse una cinepresa a

/

Rimedi

Lors de notre première visite à la galerie Chambre avec vues, nous avions eu un coup de foudre dont nous n’avions que peu parlé. Souvent, lors d’un vernissage ou d’une expo, on se réjouit de découvrir de nouveaux artistes ou de

/

Rimedi

Lors de notre première visite à la galerie Chambre avec vues, nous avions eu un coup de foudre dont nous n’avions que peu parlé. Souvent, lors d’un vernissage ou d’une expo, on se réjouit de découvrir de nouveaux artistes ou de

/

Attraverso

Ho sognato un angelo, che un piccolo angelo era sceso dai cieli e aveva preso un treno. Si è fermato in una città, qui ha camminato, vagando, un tempo. Ed è risalito e ridisceso più volte, senza giudizio, e così

/

Attraverso

Ho sognato un angelo, che un piccolo angelo era sceso dai cieli e aveva preso un treno. Si è fermato in una città, qui ha camminato, vagando, un tempo. Ed è risalito e ridisceso più volte, senza giudizio, e così

/

kv 550

… “Chiedo scusa se sparisco in Clinica con addosso una maschera e strane sottane marroni fatte di calze da uomo. Emily Dickinson o il fantasma di lei. Come una vagabonda psicolabile, resta un filo di voce per parlare. Gli alberi

/

kv 550

… “Chiedo scusa se sparisco in Clinica con addosso una maschera e strane sottane marroni fatte di calze da uomo. Emily Dickinson o il fantasma di lei. Come una vagabonda psicolabile, resta un filo di voce per parlare. Gli alberi

/

prima di tutto

  … Nessuno ha il diritto di pretendere da me che la mia vita divenga una prigionia al servizio di certe funzioni. Non il dovere prima di tutto, ma prima di tutto la vita! … Stig Dagerman, Il nostro bisogno

/

prima di tutto

  … Nessuno ha il diritto di pretendere da me che la mia vita divenga una prigionia al servizio di certe funzioni. Non il dovere prima di tutto, ma prima di tutto la vita! … Stig Dagerman, Il nostro bisogno

/

la formica e altri racconti

Ultima di un ciclo intitolato “Il nostro contributo alla conservazione della specie”, la mostra di Pietro Bologna e Orsola Capretti indica una possibile formula contro l’estinzione del genere artistico in un più intenso contatto con la dimensione dell’ “altro”, inteso

/

la formica e altri racconti

Ultima di un ciclo intitolato “Il nostro contributo alla conservazione della specie”, la mostra di Pietro Bologna e Orsola Capretti indica una possibile formula contro l’estinzione del genere artistico in un più intenso contatto con la dimensione dell’ “altro”, inteso

/

Pagina Bianca

Pagina Bianca può assomigliare alla descrizione di un sogno. E nella vecchia tradizione rabbinica si dice:” Un sogno non spiegato é come una lettera non letta; ed altri aggiungono che ogni spiegazione, anche se distinta, interferisce con la realtà” Pietro

/

Pagina Bianca

Pagina Bianca può assomigliare alla descrizione di un sogno. E nella vecchia tradizione rabbinica si dice:” Un sogno non spiegato é come una lettera non letta; ed altri aggiungono che ogni spiegazione, anche se distinta, interferisce con la realtà” Pietro

/

volto d’aria

Abitavo a Rosario, Santa Fe. Straniero cercavo di definire una mia identità. Uscii così per strada, in bici, con un telo nero, la mia prima 6×6, una Seagull comprata usata a Kūnmíng e  un flash Metz regalatomi dai miei genitori per

/

volto d’aria

Abitavo a Rosario, Santa Fe. Straniero cercavo di definire una mia identità. Uscii così per strada, in bici, con un telo nero, la mia prima 6×6, una Seagull comprata usata a Kūnmíng e  un flash Metz regalatomi dai miei genitori per

/

la valigia

  Trentadue riquadri: ognuno con un’immagine fotografica a colori. Il lavoro è un diario intimo. Sono abbinamenti di abiti femminili, di una donna che è partita e potrebbe tornare o forse mai. Trentadue giorni, trentadue stati d’animo. Una sorta di

/

la valigia

  Trentadue riquadri: ognuno con un’immagine fotografica a colori. Il lavoro è un diario intimo. Sono abbinamenti di abiti femminili, di una donna che è partita e potrebbe tornare o forse mai. Trentadue giorni, trentadue stati d’animo. Una sorta di

/